Patilla, barbilla, pesadilla…


Normalmente i falsos amigos sono parole spagnole o italiane che nonostante siano molto molto simili ad una parola dell’altra lingua hanno significato diverso; qui invece voglio parlare di parole completamente spagnole che nonostante terminino in -illo/a e quindi appaiano diminutivi/vezzeggiativi di altre hanno in realtà significato diverso… ma è ancora possibile riesumare un qualche tipo di richiamo per usarle correttamente?

Se parliamo di una barbilla non ci stiamo riferendo ad una piccola barba ma semplicemente al mento di una persona… ma qual’è l’unica parte coperta da una piccola barba?

Così se la notte abbiamo una pesadilla la mattina seguente racconteremo di un incubo, una preoccupazione… e tuttavia un incubo è in fondo una piccola cosa pesante (pesada).

Ultimo esempio che mi viene in mente riguarda gli uomini che si lasciano crescere e rifinire las patillas (che saranno mai tra i capelli e la barba?) che non sono delle piccole zampe ma solo delle basette… o no?

 

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 27 follower

Mantenlo Simple

Minimalismo, simplicidad, sencillez y trascendencia

Il blog del traduttore

Opinioni di un traduttore su un taccuino elettronico. Il blog di Ettore Mazzocca

Notebook Stories

Notebooks, journals, sketchbooks, diaries: in search of the perfect page...

Mario Benedetti

Mario Benedetti y su obra Poetica

BLOG DE LENGUA

ALBERTO BUSTOS

El Blog para Aprender Español

Un diario per condividere suggerimenti, idee e curiosità sulla lingua spagnola

El Viajero Astuto

Un diario per condividere suggerimenti, idee e curiosità sulla lingua spagnola

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: