Questo è un post bello e buono

Come il titolo del post anticipa espressamente queste righe sono dedicate a due aggettivi che a volte in italiano – soprattutto quello parlato – vengono usati indifferentemente più di quanto faccia lo spagnolo.

In pratica all’italiano bello corrisponderà l’equivalente (letterale)spagnolo solo se è usato in senso stretto ed è chiaramente riferito alla bellezza di qualcuno o qualcosa (esteriore o meno); a quel punto a seconda del contesto si avrà una scelta tra hermoso, guapo, bonito...

una mujer hermosa (cioè una bella donna), un chico que no es muy guapo pero bastante listo (cioè un ragazzo che non è molto bello ma abbastanza intelligente) o un coche bonito (una macchina carina)….

…ma in tutti gli altri casi in cui bello/bella sono usati più che altro come rafforzativo il corrispondente spagnolo non sarà quello letterale ma spesso (quasi sempre) bueno/buena…

da gana un buen sueldo (guadagna una bella somma) a voy a tomarme una buena ducha (mi farò una bella doccia)…

el tío de Juan se ha comprado un buen coche (lo zio di Giovanni si è comprato proprio una bella macchina), cioè grande, potente, veloce mentre el tío de Juan se ha comprado un coche bonito (lo zio di Giovanni si è comprato una macchina carina), cioè carina, bella a vedersi più che altro…

hay que hacer una buena acción de vez en cuando (bisogna fare una bella azione di tanto in tanto)

In verità bueno/buena sostituisce normalmente anche il nostro bravo/bravo, come es un buen maestro (è un buon maestro, cioè è un maestro bravo), ecco perché bueno è così ricorrente (è anche avverbio, intercalare, riempitivo etc…), ma questa è un’altra storia…

Bueno,

alla prossima

Giovanni

 

Annunci

Curiosidades – Capítulo II (paraguas, demás, fijarse…)

Allora qualche suggerimento e riflessione semplice semplice…

Usiamo l’ombrello per proteggerci dalla pioggia, cioè per fermare (parar) l’acqua (aguas al plurale) che viene giù… quindi un ombrello è un paraguas

Quando ci riferiamo all’altro, agli altri, a tutto il resto rispetto a ciò di cui si sta parlando (es. a casa qualche problema, per il resto tutto bene oppure con fratelli, cugini e il resto della famiglia), si tira in ballo la parte che è di più (de más) in confronto a ciò che citiamo esplicitamente… da qui che l’altro è lo demás, gli altri los demás, per il resto diventerà por lo demás e così via…

Se si presta molta attenzione a qualcosa o si chiede a qualcuno di fare o dare molta attenzione forse si finirà per fermarsi e concentrarsi su questa cosa, quasi ci si fissasse (fijarse) in (en) ciò che richiede la nostra attenzione… ecco che prestare attenzione a qualcosa diventa fijarse en qualcosa… prestava attenzione a tutto quello che gli succedeva intorno si può rendere se fijaba en todo lo que pasara a su alrededor… e espressioni come guarda!, guarda un pò! eccome! nella lingua colloquiale diventano semplicemente fíjate!

Alla prossima

Giovanni

 

 

 

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Segui assieme ad altri 28 follower

Mantenlo Simple

Minimalismo, simplicidad, sencillez e ideas para rumiar

Il blog del traduttore

Opinioni di un traduttore su un taccuino elettronico. Il blog di Ettore Mazzocca

Notebook Stories

Notebooks, journals, sketchbooks, diaries: in search of the perfect page...

Mario Benedetti

Mario Benedetti y su obra Poetica

El Blog para Aprender Español

Un diario per condividere suggerimenti, idee e curiosità sulla lingua spagnola

El Viajero Astuto

Un diario per condividere suggerimenti, idee e curiosità sulla lingua spagnola

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: